Dona
ora

Domande & risposte

... su United4Rescue

Cos'è United4Rescue?

United4Rescue è un'associazione indipendente di interesse collettivo e senza scopo di lucro, che sostiene il soccorso marittimo civile nel Mediterraneo e aiuta a salvare vite umane. Con il supporto di numerose donazioni, abbiamo già schierato due navi di soccorso e reso possibili diverse missioni di salvataggio.

Allo stesso tempo, United4Rescue è un'ampia alleanza di centinaia di organizzazioni unite dalla convinzione che le persone non devono essere lasciate affogare. L'alleanza sostiene pubblicamente il salvataggio in mare e le vie di fuga sicure e si pone quattro obiettivi primari.

Come aiuta United4Rescue?

United4Rescue aiuta il salvataggio civile in mare, collaborando con altre organizzazioni, senza troppa burocrazia, proprio dove c’è un bisogno urgente di denaro per le operazioni di salvataggio. Ad esempio per l'acquisto e la ristrutturazione di navi di soccorso, per l'equipaggiamento o i costi operativi. Sensibilizziamo inoltre le persone su questo tema importante e rendiamo in questo modo evidente il grande supporto sociale per il soccorso nel Mediterraneo.

Perché sostenere il salvataggio in mare?

Migliaia di persone annegano nel Mediterraneo, anche se il salvataggio in mare è un dovere dello Stato. Gli Stati membri dell'Unione Europea, tuttavia, mostrano un atteggiamento di chiusura. Non vogliamo stare a guardare dalla finestra questa catastrofe politica e umanitaria senza intervenire. Per questo sosteniamo il soccorso civile in mare, che entra in azione e salva vite umane laddove non sia presente un soccorso da parte degli stati. Ogni vita in pericolo in mare deve essere salvata. Perché il diritto alla vita è uno dei diritti dell’uomo.

Come si finanzia United4Rescue?

United4Rescue opera in prevalenza grazie alle donazioni di organizzazioni e singoli individui. In casi singoli riceviamo incentivi orientati al progetto, ad es. da comuni e istituzioni religiose.

Quanto è legata alla chiesa United4Rescue?

United4Rescue è un'associazione indipendente e non appartiene alla chiesa. Tuttavia, l'associazione è stata avviata e fondata da persone appartenenti alla Chiesa evangelica. Di conseguenza, ci sono molti sostenitori/molte sostenitrici provenienti dall'ambito religioso.

United4Rescue gestisce direttamente le navi di soccorso?

Ci sono già buone organizzazioni di soccorso. United4Rescue ha quindi deciso di sostenere il salvataggio in mare nel suo complesso. Infatti continua ad accadere che le organizzazioni di soccorso non abbiano il denaro necessario per entrare in azione. United4Rescue permette quindi il salvataggio in mare senza gestire in prima persona le navi di soccorso.

Quando è stata fondata United4Rescue?

United4Rescue – Gemeinsam Retten e.V. è stata fondata nel novembre del 2019 come associazione no profit. Potete trovare qui maggiori informazioni sull'associazione e le sue attività.

In che cosa si differenzia United4Rescue da SEEBRÜCKE?

SEEBRÜCKE è un movimento nazionale che sostiene politicamente il salvataggio in mare e l'accoglienza comune dei profughi che arrivano in barca. United4Rescue condivide questi obiettivi, ma ha come compito principale quello di sostenere le navi di soccorso e le missioni di salvataggio con donazioni. Grazie all'ampio numero di partner della coalizione, United4Rescue rende inoltre evidente il grande supporto sociale per il soccorso in mare.

Con chi collabora United4Rescue?

United4Rescue coopera con numerose organizzazioni, soprattutto con tutte quelle che si impegnano per il salvataggio in mare, per i diritti umani e la protezione dei rifugiati in Europa.

Posso diventare membro dell'associazione?

Potete diventare membri sostenitori cliccando qui.
Il nostro statuto è invece reperibile qui.

United4Rescue sopravvive grazie all'impegno volontario di molte persone. Se volete unirvi a noi, informatevi sulla nostra pagina di partecipazione oppure scriveteci all'indirizzo: !

Ci sono gruppi locali?

Molti partner della coalizione, gruppi e reti sostengono United4Rescue con iniziative e inviti alla donazione. United4Rescue non organizza tuttavia propri gruppi locali. Qui potete trovare i partner della coalizione più vicini a voi.

Qual è il vantaggio di donare a United4Rescue?

Con una donazione a United4Rescue aiutate il soccorso in mare proprio nei casi in cui è richiesto denaro in modo particolarmente urgente. Ad esempio per l'acquisto e la ristrutturazione di navi di soccorso, per l'equipaggiamento o per i costi operativi. United4Rescue aiuta in modo trasversale le diverse organizzazioni e senza fare un uso eccessivo della burocrazia, ma controlla sempre la fattibilità e la professionalità delle richieste di finanziamento. In questo modo potete essere certi che: la vostra donazione aiuterà a salvare vite umane dal pericolo di naufragio.

Come posso partecipare?

Ci sono molti modi per sostenere United4Rescue! Per esempio, potete organizzare piccole iniziative personali per sensibilizzare nei confronti del salvataggio e di United4Rescue. Potete trovare qui maggiori informazioni. Oppure contattateci con le vostre domande e idee all'indirizzo: !

... sull'Alleanza

Cos'è un partenariato di alleanza?

Partnership di alleanza significa che un'organizzazione sostiene idealmente il soccorso marittimo civile e condivide le nostre quattro richieste. In cambio, appaiono sul sito web di United4Rescue con il loro logo e la loro dichiarazione. Il partenariato dell'alleanza non è legato a nessun obbligo finanziario! Tuttavia, siamo felici di ogni donazione raccolta dai partner dell'alleanza.

Chi può diventare un partner dell'alleanza?

In generale, tutte le organizzazioni, gruppi, associazioni, iniziative o aziende possono diventare partner dell'alleanza. Il prerequisito è che sostengano le quattro richieste di United4Rescue e che rispettino l'ordine di base democratico libero. I partner dell'alleanza possono registrarsi online qui.

Quali obblighi hanno gli alleati?

Nessuno! Si tratta di mostrare la solidarietà pubblica con il soccorso marittimo civile. Coinvolgendo molte organizzazioni e gruppi, diventa visibile quanto grande sia il sostegno al salvataggio in mare nella società. Siamo felici se l'alleanza fa conoscere meglio il soccorso marittimo civile e United4Rescue: attraverso azioni ed eventi, appelli per donazioni, distribuzione di volantini o materiale sui social media. Se avete idee, contattateci: !

C'è una quota di iscrizione per i partner dell'alleanza?

No. Il partenariato dell'alleanza non è legato a nessun impegno finanziario o altri obblighi. Tuttavia, siamo naturalmente felici se possiamo mandare in azione le navi di soccorso anche con il vostro sostegno finanziario. Puoi trovare le opzioni di donazione qui!

Anche i partiti politici possono diventare partner dell'alleanza?

United4Rescue è un'associazione apartitica e non confessionale. Per rimanere indipendenti, le associazioni federali e statali di partiti politici sono escluse da un partenariato di alleanza. Le associazioni locali e distrettuali, così come i gruppi interni al partito (ad esempio i gruppi di lavoro) possono richiedere un partenariato di alleanza qui.

Perché ci sono così tante parrocchie nell'Alleanza?

United4Rescue non è un'associazione evangelica o ecclesiastica. L'associazione è stata fondata dopo che la Chiesa Evangelica in Germania (EKD) è stata chiamata a inviare una nave di soccorso nel Mediterraneo al Congresso della Chiesa Protestante 2019 a Dortmund. Ecco perché United4Rescue è molto conosciuto nelle congregazioni della chiesa. Tuttavia, l'alleanza ha da tempo collegato le più diverse denominazioni e comunità religiose, congregazioni di moschee e chiese, Diakonie e Caritas, aej e BDKJ. E anche oltre, c'è un'enorme varietà di organizzazioni dietro — dalle fattorie alle associazioni federali, dagli asili alla città di Karlsruhe.

United4Rescue è solo un'alleanza tedesca?

United4Rescue è fondata in Germania e lavora principalmente in tedesco. Tuttavia, collaboriamo con le organizzazioni di soccorso di altri paesi, perché il salvataggio in mare ha bisogno di una soluzione europea comune.

I nostri partner dell'alleanza sono anche internazionali, per esempio dagli USA, Svizzera, Austria, Spagna, Polonia, Italia. E i nostri sostenitori vengono anche da tutto il mondo.

Siamo diventati partner dell'alleanza - e adesso?

Benvenuto a bordo! Più diventiamo, più forte e visibile è la nostra alleanza. D'ora in poi, riceverete lo "Schiffspost", la nostra newsletter, regolarmente — circa ogni sei settimane. Segui United4Rescue anche su Facebook, Twitter, Instagram. In questo modo rimarrai aggiornato su tutti gli eventi importanti di United4Rescue e del soccorso in mare. Puoi trovare altri modi per sostenere il salvataggio in mare qui.

... sulla trasparenza

Dopo posso trovare lo statuto dell'associazione e l'attestato di associazione no profit?

Qui potete trovare lo statuto dell'associazione e l'attestato di associazione no profit.

United4Rescue dispone di un marchio di qualità per le donazioni?

Per richiedere il marchio di qualità DZI per le donazioni, un'organizzazione deve essere in grado di dimostrare due anni di attività. United4Rescue è stata fondata nell'autunno 2019 e quindi non soddisfa ancora questo criterio. Tuttavia già oggi, in qualità di associazione registrata tedesca (e.V.) no profit, non generiamo utili e siamo trasparenti per quanto riguarda l'uso dei fondi. Potete farvi un'idea consultando il nostro rapporto annuale.

Il 100% della mia donazione è destinata al salvataggio in mare?

Nel 2020, United4Rescue ha ricevuto un totale di circa 2,2 milioni di euro in donazioni. Di questi, quasi il 90% è andato direttamente al salvataggio in mare. Il 10,95% è destinato a dipendenti, spese materiali e amministrative di United4Rescue, che sono relativamente ridotte e si collocano nella fascia più bassa, secondo il benchmark dell'Istituto centrale tedesco per le questioni sociali (DZI). Le nostre spese sono così basse anche perché ci sforziamo di ottenere supporto pro bono e condizioni speciali e molte attività sono svolte su base volontaria.

Come fa a garantire United4Rescue che le donazioni salvino effettivamente delle vite?

United4Rescue sostiene i progetti dopo un attento esame, solo se sono pianificati in modo coerente e realisticamente fattibili. Molti membri di United4Rescue lavorano da anni sul tema del salvataggio in mare e apportano la loro esperienza professionale nella valutazione dei progetti. Quando United4Rescue sostiene un progetto, lo accompagniamo anche durante la sua fase di realizzazione.

Chi decide quali organizzazioni e progetti supportare?

I membri di United4Rescue – Gemeinsam retten e.V. decidono quali progetti sostenere. Il quadro di riferimento è stabilito dallo statuto, dai quattro principi e dai criteri di presentazione della domanda.

Come può un'organizzazione richiedere un finanziamento?

United4Rescue sostiene iniziative, istituzioni e organizzazioni attive nel salvataggio in mare o che aiutano persone in fuga. Le domande di finanziamento possono essere presentate in qualsiasi momento, non ci sono scadenze fisse per tali domande. Una decisione di finanziamento viene presa circa otto settimane dopo la presentazione della domanda. Una domanda dovrebbe rispettare i criteri di finanziamento e descrivere chiaramente a cosa è destinato e come è composto il finanziamento. United4Rescue fornisce finanziamenti solo sulla base di un progetto e in qualità di finanziamenti per mancanza di fondi. È importante che nei progetti confluiscano adeguati fondi propri o di terzi. Se non siete certi che il vostro progetto sia finanziabile, non esitate a contattare .

Quali associazioni di soccorso sono supportate da United4Rescue?

Sosteniamo le operazioni civili di soccorso nel Mediterraneo, persino tra le diverse organizzazioni e soprattutto nel caso in cui sia veramente necessario l’aiuto finanziario. Ad esempio per l'acquisto e la ristrutturazione di navi di soccorso, per il reperimento di attrezzature o per coprire i costi delle missioni di soccorso.

Donazioni & partecipazione

Come posso aiutare United4Rescue?

Potete aiutarci con una donazione o diventando membri sostenitori. Inoltre ci sarà di grande aiuto il vostro contributo nel sensibilizzare le persone sull'importanza delle operazioni di soccorso civile in mare e sul valore di una donazione. Alcune idee per il supporto e la partecipazione sono reperibili qui.

Posso invitare United4Rescue a conferenze ed eventi?

Certo, se ci è possibile saremo lieti di partecipare! Fornire informazioni sul salvataggio in mare e sul nostro lavoro è per noi un grande onore. Scriveteci a: .

Ci arrivano moltissime richieste e siamo solo una piccola squadra di volontari. Pertanto non riusciamo ad accogliere qualsiasi invito.

Come posso fornire supporto in qualità di organizzazione, comunità religiosa o azienda?

Aziende, organizzazioni, iniziative, comunità etc. possono fornire il loro sostegno in moltissimi modi diversi. Potete diventare partner di United4Rescue, sostenere pubblicamente il salvataggio in mare o supportarci finanziariamente con una donazione – ad esempio come idea regalo, molto bella, per collaboratori/collaboratrici, clienti o partner commerciali, raccogliendo donazioni e collette, organizzando concerti di beneficenza o sensibilizzando in altro modo le persone sui morti nel Mediterraneo! Saremo lieti di supportare i vostri progetti con il nostro materiale informativo. Scriveteci all'indirizzo: !

Qual è il vantaggio di una donazione a United4Rescue?

Con una donazione a United4Rescue aiutate il soccorso in mare proprio nei casi in cui è particolarmente urgente la richiesta di aiuto finanziario. Ad esempio per l'acquisto e la ristrutturazione di navi di soccorso, per l'equipaggiamento o i costi operativi. United4Rescue aiuta in modo trasversale le diverse associazioni, evitando un uso eccessivo della burocrazia, ma controlla sempre la fattibilità e la professionalità delle richieste di finanziamento. In questo modo potete essere certi che: la vostra donazione aiuterà a salvare vite umane dal pericolo di naufragio.

Cosa succede quando si fa una donazione?

tra le diverse organizzazioni e soprattutto nel caso in cui sia veramente necessario un aiuto finanziario. Ad esempio per l'acquisto e la ristrutturazione di navi di soccorso, per il reperimento di attrezzature o per coprire i costi delle missioni di soccorso. Prima di destinare le donazioni alle organizzazioni di soccorso, verifichiamo con cura il relativo progetto. In questo modo la vostra donazione aiuta sempre a salvare delle vite grazie al soccorso marittimo. Potete trovare qui maggiori informazioni sul nostro processo di finanziamento.

Quali sono i vantaggi di una donazione permanente o di un'adesione duratura?

Con una donazione regolare, garantirete il salvataggio in mare a lungo termine e ci aiuterete moltissimo a pianificare i progetti futuri. Farete in modo che United4Rescue sia in grado di fornire il suo aiuto in maniera rapida e flessibile. Allo stesso tempo si riducono le spese di gestione. In qualità di membri sostenitori, riceverete da noi ulteriori informazioni e inviti, ad esempio sarete invitati all'assemblea dei soci.

Quando & come riceverò la ricevuta della donazione?

Riceverete la vostra ricevuta di donazione a febbraio dell'anno successivo, sotto forma di ricevuta di donazione annuale. Abbiamo dunque bisogno del vostro indirizzo! Per risparmiare sui costi e tutelare l'ambiente, inviamo le ricevute delle donazioni anche via e-mail come documento PDF. Se avete altre domande, non esitate a contattarci: .

Importi fino a 200 euro possono anche essere richiesti all'ufficio delle imposte con questa "prova semplificata di donazione". Basta presentarlo con la prova del trasferimento, per esempio il tuo estratto conto bancario.

Le donazioni inoltrate per conto terzi hanno diritto ad una propria ricevuta di donazione?

No. Le ricevute di donazione possono essere emesse solo per la persona o l'organizzazione che ha eseguito il bonifico per la donazione. Solo chi dona in prima persona può ricevere una ricevuta di donazione. Occorre farlo notare se, per esempio, si stanno raccogliendo donazioni in una cerchia di amici.

Ricevo una ricevuta di donazione se faccio tale donazione con Facebook o Betterplace?

Se fate la donazione su Facebook o Betterplace, riceverete una ricevuta di donazione via e-mail dal rispettivo fornitore. Le donazioni ci vengono inoltrate, ma non siamo autorizzati a rilasciare ricevute di donazione per questo.

Posso eseguire la donazione da un conto estero?

Sì. Si può anche donare dall'estero senza alcun problema. Tuttavia, le donazioni a United4Rescue sono deducibili solo in Germania.

Dove posso trovare l'avviso di esenzione per lo status di no profit?

Potete trovare il nostro attestato di associazione no profit scaricabile qui.
Lo statuto di United4Rescue è consultabile qui.

United4Rescue promuove gli scopi caritatevoli di aiutare le persone perseguitate per motivi politici, razziali o religiosi, i rifugiati e gli sfollati (§ 52 cpv. 2 p. 1 n. 10 AO) e il salvataggio dal pericolo di vita (§ 52 cpv. 2 p. 1 n. 11 AO).

Come posso modificare i miei dati personali o la mia donazione permanente?

Contattateci via posta o per telefono se, per esempio, vi siete trasferiti e volete cambiare il vostro indirizzo: / +49 1511 4906495

Come posso aiutare senza denaro?

Potete aiutarci molto perorando la nostra causa e spargendo la voce! Parlate con amici/amiche e familiari delle operazioni civili di soccorso, seguiteci sui social o avviate una vostra azione personale di donazione, ad es. all'interno del vostro circolo sportivo o della vostra comunità religiosa. Maggiori informazioni e materiale sono reperibili qui.

Come posso raccogliere donazioni di condoglianze?

Invece di fiori e corone, invitate ad effettuare una donazione a United4Rescue in occasione del servizio funebre, per sostenere il soccorso in mare e salvare vite umane.

Trasferite poi la donazione di condoglianze collettivamente a noi o chiedete una donazione nel necrologio. Un esempio potrebbe essere il seguente:

"La morte non dovrebbe avere l'ultima parola. Nello spirito del defunto chiediamo quindi una donazione a United4Rescue invece di fiori e corone. L'associazione sostiene le navi civili di soccorso nel Mediterraneo. Donate online su www.united4rescue.org o usando la parola chiave _________ nella causale, sul seguente conto:

United4Rescue – Gemeinsam Retten e.V.
IBAN: DE93 1006 1006 1111 1111 93
BIC: GENODED1KDB
Bank für Kirche und Diakonie eG — KD-Bank“

Su richiesta, saremo lieti di fornirvi l'importo totale donato e una lista dei donatori/delle donatrici che hanno fatto una donazione usando la vostra parola chiave.

Salvataggio in mare

Perché ci sono persone che fuggono passando dal Mediterraneo?

Le persone sono spinte dai motivi più svariati per intraprendere un viaggio potenzialmente mortale nel Mediterraneo. Molti scappano da violenza, terrore e per necessità. Altri non dispongono più dei mezzi di sussistenza nella loro madrepatria, fuggono per la disperazione e la mancanza di prospettive, sperando in un futuro migliore per loro stessi e le loro famiglie. Sono storie tutte diverse tra loro, raccontate da coloro che sono stati salvati. Tutti riferiscono comunque che la miseria nel loro paese era superiore alla paura di affogare.

Quante persone affogano nel Mediterraneo?

Dal 2014, secondo una stima dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM/OIM), sono affogate nel Mediterraneo oltre 20.000 persone. I dati non riportati nelle statistiche potrebbero tuttavia essere nettamente superiori, in quanto non sono note tutte le disgrazie navali. Le statistiche dettagliate dell'IOM possono essere trovate qui: https://missingmigrants.iom.int

Il salvataggio in mare non sarebbe in realtà un compito dello Stato?

Ogni nave è tenuta a prestare soccorso in mare, proprio come gli stati costieri. Nel 2014 è stata tuttavia bloccata dall'Unione Europea (UE) e dall'Italia la missione di ricerca e soccorso Mare Nostrum nel Mediterraneo. Nel 2019 la UE ha inoltre sospeso tutte le attività di salvataggio in mare nel quadro della EUNAVFOR MED operazione Sophia. Le operazioni di soccorso civile in mare rimangono dunque attualmente l'unica possibilità di salvare vite umane dall'annegamento in mare.

Perché le operazioni di soccorso civile in mare vengono criminalizzate e intralciate?

Le attività di soccorso civile in mare sono sotto pressione, in quanto gli Stati membri dell'Unione Europea non vogliono accogliere profughi. Questo per fare in modo che il minor numero possibile, tra coloro che cercano asilo, riesca a raggiungere l'Europa, puntando così su una politica di isolamento e intimidazione. Il calcolo politico intende spingere le persone a non rischiare più la traversata, se molte barche affondano, le persone affogano e non sia presente alcun tipo di soccorso in mare. Questo calcolo cinico comunque non dà i suoi frutti: la disperazione delle persone che cercano asilo è talmente grande che molti preferiscono il rischio di annegare piuttosto che rimanere, ad esempio, nei lager in Libia.

Dove posso trovare altre informazioni affidabili sul salvataggio in mare?

Informazioni sul tema del salvataggio in mare e sulla situazione nel Mediterraneo sono fornite, tra gli altri, anche dall'associazione UNO-Flüchtlingshilfe in relazione al soccorso in mare (https://www.uno-fluechtlingshilfe.de/hilfe-weltweit/fluechtlingsschutz/seenotrettung/) sia dal punto di vista generale che sulla situazione specifica nel Mediterraneo (https://www.uno-fluechtlingshilfe.de/hilfe-weltweit/mittelmeer/).

Dati aggiornati e affidabili sui flussi di rifugiati e sul numero di vittime sono offerti dall'Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM https://missingmigrants.iom.int/region/mediterranean) e dall'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR https://data2.unhcr.org/en/situations/mediterranean)

Dove possono essere portate le persone soccorse – e dove non devono essere portate?

Le persone salvate grazie al soccorso marittimo devono essere portate in un "Posto sicuro" (Place of safety/POS). Questo è quanto prevede l'articolo 98 della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare. Riportare le persone nella situazione di pericolo dalla quale sono fuggite è pertanto illegale. Il diritto internazionale vieta inoltre di riportare le persone negli stati nei quali rischiano di essere sottoposte a torture o ad altre gravi violazioni dei diritti umani. La Libia non è dunque da considerarsi un posto sicuro. Nei campi di internamento lì presenti, le persone vengono torturate, violentate, maltrattate e schiavizzate. Queste condizioni terribili sono state tra l'altro documentate da parte di Medici Senza Frontiere.

Ricondurre le persone in Nordafrica le priverebbe inoltre della possibilità di fare richiesta di asilo. Il diritto di asilo è tuttavia un diritto fondamentale europeo. Questo implica il fatto che nemmeno Tunisia o Marocco rappresentano posti sicuri, in quanto entrambi gli stati non dispongono di alcun sistema di asilo.

Informazioni più dettagliate su questo tema sono fornite qui e qui dai servizi scientifici del parlamento tedesco.

Cosa succede alla persone soccorse dopo che vengono portate sulla terraferma?

Dopo il loro arrivo in un paese, le persone salvate passano in una condizione di custodia da parte dello stato. Vengono portate in alloggi, se necessario sono sottoposte a cure mediche e la loro identità viene appurata dalle autorità. Tra Germania, Francia, Italia e Malta è stato concordato nel 2019 un cosiddetto meccanismo di "Ad hoc-Relocation", per il quale le persone salvate, dopo un controllo di sicurezza, sono ridistribuite nei diversi paesi europei, dove possono richiedere protezione con una procedura di asilo. Il sito web https://eu-relocation-watch.info/#malta-agreement fornisce informazioni specifiche su questo argomento [disponibile solo in inglese]. Questo meccanismo è comunque attualmente sospeso, in quanto il numero di nuovi arrivi è troppo ridotto ed è l'Italia a dovere accogliere queste persone in base alla sua capacità.

Le persone salvate sono davvero tutti profughi?

Le persone sono spinte dai motivi più svariati ad intraprendere un viaggio potenzialmente mortale nel Mediterraneo. Molti scappano da gravi violazioni dei diritti umani, da guerre, violenze, terrore e per necessità. Altri non dispongono più dei mezzi di sussistenza nella loro madrepatria, fuggono per la disperazione e la mancanza di prospettive, sperando in un futuro migliore per loro stessi e le loro famiglie. Sono storie tutte diverse tra loro, raccontate da coloro che sono stati salvati. Tutti riferiscono comunque che la miseria nel loro paese era superiore alla paura di annegare.

Il salvataggio in mare è un pronto soccorso umanitario. Infatti ogni vita umana ha lo stesso diritto di essere salvata. Questo è chiarito anche dal diritto della navigazione internazionale: ogni persona a rischio di naufragio deve essere salvata e portata in un posto sicuro. Gli enti statali devono poi deliberare sullo stato legale di protezione e sul permesso di soggiorno con una procedura di asilo corretta e individuale. Questo non spetta al soccorso marittimo civile.

Le navi di soccorso non portano a un aumento del numero di profughi?

No. I profughi che si trovano sulle barche scappano da guerre, persecuzioni e per necessità. L'affermazione che siano le attività di soccorso civile in mare a spingere le persone a fuggire attraverso il Mediterraneo non ha alcun fondamento. Diversi studi empirici – tra i quali quello della Oxford University, condotto dal Migration Policy Centre, come anche l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) – affermano che non sussiste una correlazione fondata tra la presenza di navi di soccorso e il numero di navi di profughi. Il cosiddetto "effetto di richiamo", noto anche come pull effect, non ha dunque alcun fondamento oggettivo. Anche l'osservazione diretta lo conferma: sebbene spesso non sia attiva alcuna nave di soccorso civile, sono comunque molte le persone a fuggire passando dal Mediterraneo. Quello che al contrario è dimostrato dagli studi è che molte persone affogano se non sono presenti navi di soccorso nella zona.

Inoltre: il soccorso civile in mare è nato solo a partire dal 2015, dopo che un numero sempre maggiore di persone era annegato e il soccorso marittimo statale risultava assente. Le attività di soccorso civile in mare rappresentano dunque la reazione alla presenza di navi profughi e alle morti nel Mediterraneo, non certo il contrario.

In questo modo non fate lo stesso gioco dei trafficanti di vite umane?

Il soccorso civile in mare è stato fondato come reazione alle migliaia di morti nel Mediterraneo. È un mito che le navi di soccorso abbiano un cosiddetto effetto di richiamo. Numerosi studi documentati, ma anche l'esperienza diretta mostrano che anche se non è in azione alcuna nave di soccorso, le persone comunque cercando di fuggire passando dal Mediterraneo. Poiché sono assenti vie di fuga legali e sicure, le persone non hanno altra scelta, se non quella di mettersi nelle mani di organizzazioni criminali di trafficanti di vite umane o sedicenti aiutanti alla fuga. Si genera dunque un business dallo stato di necessità delle persone.

In Libia sono attive soprattutto milizie locali e clan criminali. Rappresentano la cosiddetta guardia costiera, cofinanziata anche dalla UE. Il problema è che questi gestiscono anche i campi di tortura nei quali la gente in fuga viene riportata. Si è in questo modo creato un circolo vizioso e lucrativo, facendo in modo che le milizie guadagnino il doppio: per l’organizzazione di trafficanti di vite umane, il trasporto e per la cattura e la riconduzione in patria dei profughi. Le persone che sono riuscite a sfuggire a questo circolo vizioso, riferiscono spesso che già avevano tentato più volte la traversata e che alle loro famiglie sempre e comunque ogni volta era stato richiesto un riscatto.

Questa economia conflittuale, che trasforma uno stato di emergenza in un business, può essere spezzata solo ponendo fine alla guerra civile in Libia.

Perché le persone salvate non vengono portate in Tunisia?

La Tunisia, proprio come il Marocco, non rappresenta un posto sicuro per coloro che sono stati soccorsi, in quanto in questi paesi non vige alcun sistema di asilo. Le persone salvate devono essere portate in un luogo nel quale siano garantiti i diritti umani, a partire dal diritto di asilo. Il diritto di asilo è infatti un diritto fondamentale europeo. Lo stato tunisino non assicura tale diritto, anche se l'UNHCR e le organizzazioni locali di supporto ai rifugiati in Tunisia stanno provvedendo nel modo migliore e le autorità statali stanno facendo grossi passi avanti. Inoltre ci sono resoconti relativi alle violazioni da parte dello stato dei diritti umani di coloro che cercano asilo in Tunisia e in altri stati nordafricani.

Perché non combattete alla radice le cause delle fughe?

Prevenire alla radice la fuga delle persone è importante, in modo da evitare non solo che le persone non siano più spinte a fuggire dal loro paese, ma anche per consentire che possano vivere con dignità e in sicurezza nella loro madrepatria. Nell’ambito della protezione dei rifugiati è necessario un impegno a lungo termine per la giustizia e la pace globale, oltre ad una forte azione di soccorso umanitario, che include l’attività di salvataggio in mare.

Proprio per questo United4Rescue, in qualità di associazione e coalizione per il soccorso civile in mare, comprende attori e organizzazioni di supporto del tutto diversi tra loro, operanti anche nell'aiuto allo sviluppo.

Cosa si intende con vie di fuga legali e sicure?

La richiesta di vie di fuga legali e sicure si riferisce al fatto che nessuno deve essere criminalizzato e perseguito perché richiede protezione in un altro paese. Tutti hanno il diritto, secondo la Dichiarazione universale dei diritti umani, di lasciare il proprio paese e cercare altrove protezione contro le persecuzioni. Questo non implica però alcun diritto a ricevere asilo. E quasi sempre nemmeno la possibilità di arrivare per vie legali in un qualche posto, dove sia possibile presentare richiesta di asilo. Perciò le persone, in stato di necessità e disperazione, arrivano a pagare anche per intraprendere le vie di fuga più pericolose o devono affidarsi ai trafficanti di vite umane. Se ci fossero vie legali e sicure, questo non sarebbe necessario.

Conto delle donazioni

United4Rescue – Gemeinsam Retten e.V.
IBAN: DE93 1006 1006 1111 1111 93
BIC: GENODED1KDB
Bank für Kirche und Diakonie eG – KD-Bank

Conto delle donazioni

United4Rescue – Gemeinsam Retten e.V.
IBAN: DE93 1006 1006 1111 1111 93
BIC: GENODED1KDB
Bank für Kirche und Diakonie eG – KD-Bank

Questo sito web utilizza i cookie

Questi includono i cookie essenziali che sono necessari per il funzionamento del sito, così come altri che vengono utilizzati solo per scopi statistici anonimi, per le impostazioni di comfort o per visualizzare contenuti personalizzati. Potete decidere voi stessi quali categorie volete permettere. Si prega di notare che in base alle vostre impostazioni, non tutte le funzioni del sito possono essere disponibili.

Questo sito web utilizza i cookie

Questi includono i cookie essenziali che sono necessari per il funzionamento del sito, così come altri che vengono utilizzati solo per scopi statistici anonimi, per le impostazioni di comfort o per visualizzare contenuti personalizzati. Potete decidere voi stessi quali categorie volete permettere. Si prega di notare che in base alle vostre impostazioni, non tutte le funzioni del sito possono essere disponibili.

Le tue preferenze sui cookie sono state salvate.