Dona
ora

Altri incentivi

2024

Winterwerft NADIR

80.000 €

Mit viel ehrenamtlichen Engagement schickt der Verein RESQSHIP seit 2021 das Segelschiff NADIR aufs Mittelmeer. Die Einsatzcrews leisten Ersthilfe, unterstützen bei Rettungen der Küstenwache und berichten über die Situation für Schutzsuchende. Damit die NADIR auch 2024 wieder Menschenleben retten kann, sind einige Vorbereitungen nötig: Das Unterwasserschiff muss entrostet und neu gestrichen werden, Reparaturen am Motor und dem Generator durchgeführt, die Sicherheitsausrüstung gewartet, Medikamente aufgefüllt, und vieles mehr. United4Rescue unterstützt die Arbeiten mit 80.000 Euro.

2023

Cantiere navale invernale IMARA

26.000 €

L'equipaggio volontario dell'IMARA svolge da tre anni missioni di monitoraggio e primo soccorso nel Mediterraneo centrale. Per poter rimettere in servizio il veliero nel 2024, è necessario effettuare alcuni lavori in cantiere. United4Rescue sostiene questi lavori nell'inverno 2023/24 con 26.000 euro.

Cantiere navale invernale MARE*GO

50.270 €

Dopo una prima estate con cinque missioni, durante le quali sono state soccorse molte persone nel Mediterraneo, la MARE*GO sta entrando in cantiere per importanti riparazioni e imminenti conversioni. United4Rescue sostiene i lavori del cantiere nell'inverno 2023/24 con 50.270 euro.

Primo impiego della Sea-Watch 5

200.000 €

La Sea-Watch 5 sarà la terza nave dell'Alleanza a salvare vite umane nel Mediterraneo dal novembre 2023. Mentre l'UE costruisce muri sempre più alti, l'Organizzazione internazionale per le migrazioni documenta per il 2023 il più alto numero di morti dal 2017. La Sea-Watch 5 è più giovane, più veloce, più grande e più efficiente delle precedenti navi Sea-Watch. Dopo che United4Rescue aveva già contribuito all'acquisto della Sea-Watch 5 nel 2022, abbiamo sostenuto il primo dispiegamento della nuova nave dell'alleanza con 200.000 euro nel 2023.

Conversione del TROTAMAR III

5.000 €

A partire dall'agosto 2023, il TROTAMAR III, un veliero di 13 metri del Compass Collective di Wendland, rafforzerà il soccorso civile in mare nel Mediterraneo con missioni di ricerca e osservazione tra la Tunisia e Lampedusa. Per essere il più possibile equipaggiata per le missioni, prima della prima missione è stata installata a poppa una gru per il gommone. United4Rescue ha reso possibile la costruzione della gru con 5.000 euro.

Secondo spiegamento di MARE*GO

16.760 €

La MARE*GO ha una lunga storia come nave da soccorso: l'ex peschereccio è stato la prima nave della Sea-Watch nel Mediterraneo dal 2015 al 2018, e poi come Mare Liberum nell'Egeo. Nel 2023, la nave è stata ristrutturata e modernizzata da Zusammenland ed è stata in grado di salvare decine di persone durante una prima missione. Per le riparazioni e una seconda missione, United4Rescue sostiene la MARE*GO con circa 17.000 euro.

Costi di dislocazione e di cantiere per la Mare Jonio

135.000 €

La Mare Jonio di MEDITERRANEA — Saving Humans è attualmente l'unica nave civile di salvataggio in mare battente bandiera italiana. United4Rescue si è fatta carico dei costi, pari a 135.000 euro, per i lavori di cantiere, la certificazione di sicurezza in corso e una missione di salvataggio nella primavera del 2023.

Lavori in cantiere per la SEA-EYE 4

200.000 €

Ogni nave ha bisogno di un bacino di carenaggio! Per controlli, manutenzione e riparazioni, la SEA-EYE 4 è entrata in bacino di carenaggio nella primavera del 2023. È stato necessario dare una nuova mano di vernice, rinnovare i serbatoi dell'acqua dolce e migliorare i container per gli ospiti. United4Rescue ha sostenuto i lavori con 200.000 euro.

Operazioni di Humanity 1

200.000 €

United4Rescue sostiene le missioni di Humanity 1 nel 2023 con 200.000 euro.

Missione di gennaio del SEA-EYE 4

100.000 €

Poiché la missione di gennaio della SEA-EYE 4 non poteva essere finanziata con donazioni proprie, United4Rescue ha sostenuto la missione della nave dell'alleanza con 100.000 euro. La missione potrebbe quindi svolgersi come previsto: salpare per il SEA-EYE 4!

Aiuti invernali al confine tra Polonia e Bielorussia

55.500 €

La rete polacca Grupa Granica fornisce aiuti umanitari ai migranti al confine con la Bielorussia. Temendo violenti respingimenti, le persone in fuga si nascondono nelle foreste e nelle paludi della regione di confine, spesso ferite e in ipotermia. Numerose persone sono già morte congelate nel gelido inverno. Grupa Granica gestisce un numero di emergenza e invia volontari ai rifugiati che portano medicinali essenziali, cibo, sacchi a pelo caldi e vestiti. United4Rescue sostiene le operazioni di soccorso nell'inverno 2022/23 con 55.500 euro.

2022

Cerca droni per il salvataggio in mare

21.000 €

L'associazione SearchWing — nata da un progetto presso l'Università di scienze applicate di Augusta — ha sviluppato un drone di ricerca destinato ad aiutare le organizzazioni di soccorso a localizzare gommoni in difficoltà in mare. United4Rescue ha sostenuto l'associazione con 21.000 euro per i costi del personale in modo che le ONG SAR possano essere addestrate al funzionamento del drone e le operazioni possano essere accompagnate.

Cantiere invernale del NADIR

75.000 €

Dopo numerose missioni nel 2022, lo yacht a vela NADIR dell'organizzazione Resqship doveva effettuare importanti lavori di manutenzione. Nel cantiere invernale, ad esempio, è stato riverniciato lo scafo subacqueo e revisionato il motore. United4Rescue ha sostenuto il lavoro con 75.000 euro.

Una nave di soccorso per Lampedusa

125.000 €

L'isola italiana di Lampedusa si trova nel mezzo del Mar Mediterraneo centrale. United4Rescue sta supportando l'acquisto di una piccola imbarcazione di salvataggio da varare direttamente da Lampedusa per operazioni di ricerca e soccorso. Il progetto è attualmente (fine 2022) ancora in fase di progettazione.

Soccorso medico d'urgenza sulla rotta balcanica

32.000 €

Medical Volunteer International (MVI) fornisce aiuti di emergenza umanitaria alle frontiere esterne europee con volontari qualificati provenienti da tutto il mondo. Lungo il confine serbo-ungherese e in Bosnia, MVI aiuta le vittime di respingimenti illegali e violenze al confine. Si tratta per lo più di persone che devono vivere fuori dai campi ufficiali in condizioni igieniche catastrofiche e non hanno accesso all'acqua, all'igiene o alle cure mediche di base. United4Rescue ha sostenuto l'acquisto di medicinali e il coordinamento e l'organizzazione di cure mediche vitali con 32.000 euro.

Operazioni di soccorso del SEA-EYE 4

300.000 €

Nel 2022, le organizzazioni di soccorso hanno dovuto far fronte a un forte aumento dei prezzi, in particolare per il carburante. United4Rescue ha quindi sostenuto quest'anno le ultime due missioni di salvataggio del SEA-EYE 4 con 300.000 euro. La metà di questo è andato in una campagna di raddoppio delle donazioni, attraverso la quale è stato possibile vincere nuovamente donazioni private dello stesso importo. Questo insieme ha assicurato che entrambe le operazioni potessero svolgersi come previsto.

Ocean Viking: conversioni e manutenzione

100.000 €

Con la sua nave di salvataggio, l'Ocean Viking, e il suo predecessore, l'Aquarius, l'organizzazione di salvataggio in mare SOS Mediterranee è stata in grado di salvare più di 36.000 persone dall'annegamento dal 2015. Nel 2022 ci sono stati importanti lavori di trasformazione e manutenzione dell'Ocean Viking. Tra le altre cose, è stato installato un dispositivo di varo per un nuovo, terzo motoscafo ed è stata rinnovata la clinica di bordo. United4Rescue ha sostenuto queste misure con un totale di 100.000 euro.

Supporto per l'acquisto di Sea-Watch 5

200.000 €

Non si intravede la fine della micidiale politica di frontiera sul Mediterraneo. Gli Stati membri dell'UE continuano a consentire alle persone in cerca di protezione di morire alle loro frontiere esterne. Pertanto, insieme a Sea-Watch e a molti sostenitori, stiamo inviando una nuova nave della terza alleanza per il soccorso in mare nel Mediterraneo: la Sea-Watch 5. La nave è più grande, più veloce ed efficiente delle precedenti navi Sea-Watch. Di conseguenza, può portare a bordo ancora più persone in difficoltà e fornire loro cure migliori. United4Rescue ha sostenuto l'acquisto del Sea-Watch 5 con 200.000 euro.

Assistenza legale per rifugiati criminalizzati

85.000 €

In Grecia e in Italia le persone che hanno guidato una barca cercando di attraversare il Mediterraneo sono sistematicamente accusate di "contrabbando". Poiché i contrabbandieri non salgono a bordo o lasciano la barca in anticipo, coloro che cercano protezione sono costretti a prendere il timone da soli e spesso vengono arrestati non appena arrivano. Rischiano la reclusione per anni o decenni e i processi generalmente violano le norme costituzionali fondamentali. L'organizzazione Borderline Europe supporta le persone criminalizzate per favoreggiamento dell'ingresso illegale in Italia e in Grecia con consulenza legale, monitoraggio dei processi, pubbliche relazioni e campagne di solidarietà. United4Rescue sta finanziando questo lavoro per il periodo 2022/23 con 85.000 euro.

Operazioni di soccorso della Humanity 1

300.000 €

Nell'agosto 2022, l'organizzazione di salvataggio in mare SOS Humanity ha rilevato la nostra nave dell'alleanza Sea-Watch 4. Come Humanity 1, la nave continuerà ad essere utilizzata nelle operazioni di salvataggio in futuro. United4Rescue ha sostenuto le prime missioni di Humanity 1 nel 2022 con 300.000 euro per carburante, vettovaglie, attrezzature di soccorso e medicine, tra le altre cose.

Supporto logistico per il soccorso in mare

40.000 €

L'Aurora – Grup de Suport è un'associazione di società civile e movimenti sociali che sostiene le ONG di soccorso civile in mare durante le soste nei porti spagnoli di Burriana e Vinaròs. I volontari aiutano, ad esempio, con la logistica di carico e scarico delle navi, organizzano esperti e fornitori e supportano la comunicazione con autorità e aziende. United4Rescue ha sostenuto la creazione di un magazzino e di uffici con 40.000 euro.

IMARA: Operazioni di primo soccorso nel Mediterraneo centrale

30.000 €

Dall'estate del 2021 l'organizzazione r42 sailandrescue svolge operazioni di sorveglianza e primo soccorso nel Mediterraneo centrale con il veliero IMARA. L'equipaggio IMARA può fornire forniture mediche e cibo alle persone bisognose e rimanere sul posto fino all'arrivo di una nave di soccorso adeguata. United4Rescue sostiene le operazioni di soccorso IMARA nel 2022 con € 30.000 per i costi operativi e l'acquisto di un dispositivo radar.

Spese di viaggio per riunioni di networking

10.000 €

United4Rescue sostiene il Transborder SummerCamp 2022 vicino a Nantes, in Francia, con 10.000 euro. Al campo si incontrano organizzazioni di soccorso e attivisti che lavorano per il soccorso in mare e contro la criminalizzazione e le violazioni dei diritti umani lungo la frontiera esterna dell'UE. La particolarità: le ONG europee e africane partecipano allo scambio. Con i nostri finanziamenti aiutiamo iniziative e persone che altrimenti non possono permettersi di viaggiare con le spese di viaggio.

Il calore che salva la vita

50.000 €

Con Blindspots, United4Rescue 2022 ha supportato per la prima volta un'organizzazione che non opera direttamente nel soccorso in mare. Blindspots aiuta le persone in fuga nella regione di confine settentrionale della Bosnia. La brutalità, l'illegalità e i respingimenti nei Balcani sono simili alla situazione nel Mediterraneo. Gli inverni gelidi possono essere pericolosi per la vita delle persone bloccate lì. Blindspots fornisce aiuto nelle abitazioni improvvisate e per le persone particolarmente vulnerabili in cerca di protezione, come famiglie, bambini e donne che viaggiano da sole, ad esempio con il calore della legna da ardere e delle stufe fatte da sé. Abbiamo supportato Blindspots con 50.000 euro. Le persone non si lasciano annegare. Punto.

2021

Missione natalizia della SEA-EYE 4

125.500 €

Con un finanziamento di oltre 125.000 euro*, United4Rescue ha consentito a SEA-EYE 4 di salpare per un'altra operazione di salvataggio nel dicembre 2021. Durante la missione, la nave dell'alleanza ha soccorso 223 persone in difficoltà. Il 24 dicembre tutti i soccorsi hanno potuto sbarcare in un porto sicuro.

* Questo finanziamento è stato approvato nel 2021 ed erogato all'inizio del 2022.

Voli di osservazione sul Mediterraneo

51.000 €

Nel luglio 2021, United4Rescue ha deciso di sostenere l'organizzazione Ciel Solidaire, che gestisce un aereo da ricognizione. Con i voli di osservazione sul Mediterraneo centrale, aiuta a individuare le barche in difficoltà e a segnalare le emergenze alle autorità in modo che meno persone debbano annegare. Il velivolo è anche in grado di lanciare per via aerea medicinali o altri materiali urgenti per le navi civili di soccorso. I respingimenti illegali da parte della guardia costiera e delle milizie libiche possono essere ben documentati anche dall'alto. United4Rescue rende possibile la conversione dell'aereo e la prima missione.

Missione di RESQ PEOPLE

75.000 €

Nel settembre 2021, United4Rescue ha deciso di sostenere la neonata organizzazione di soccorso italiana RESQ. Nel giugno 2020, l'organizzazione ha acquistato la nave ALAN KURDI dall'associazione tedesca Sea-Eye e l'ha battezzata RESQ PEOPLE. Con questo sostegno, United4Rescue permette la presenza di un'altra nave di soccorso europea nel Mediterraneo centrale e allo stesso tempo rafforza la rete europea delle organizzazioni di soccorso.

Dispositivi tecnici per il NADIR

50.000 €

L'associazione RESQSHIP sostiene i salvataggi nel Mar Mediterraneo con il veliero NADIR. Con 50.000 euro, United4Rescue ha sostenuto l'acquisto e l'installazione di diversi dispositivi tecnici con i quali in futuro sarà possibile individuare e documentare meglio le emergenze in mare: un dispositivo radar per identificare le imbarcazioni a grande distanza anche di notte e con la nebbia, un potente satellite sistema per la registrazione dei dati, per la trasmissione di immagini e materiale informativo, nonché un sistema di generatore eolico che alimenta in modo affidabile la nave con l'elettricità.

Una barca veloce contro le violazioni dei diritti umani nel Mar Egeo

21.000 €

Nel luglio 2021 United4Rescue ha deciso di sostenere l'organizzazione umanitaria greca Attika Human Support. Gestisce un piccolo motoscafo sull'isola di Lesbo. Perché anche nel Mar Egeo la gente fugge attraverso il mare con i gommoni. Sempre più spesso ci sono incidenti con vittime, e ancora più spesso ci sono respingimenti da parte della guardia costiera greca, che spinge le persone in cerca di protezione verso la Turchia o addirittura le abbandona in mare aperto, in violazione del diritto internazionale. Con il motoscafo, Attika Human Support può segnalare le emergenze del mare e documentare le violazioni dei diritti umani da parte della guardia costiera greca. L'organizzazione fornisce anche ai richiedenti protezione appena arrivati beni di prima necessità — come vestiti caldi e articoli per l'igiene. Il finanziamento di United4Rescue coprirà i costi operativi del motoscafo per metà anno fino alla fine del 2021. Questo significa che le violazioni dei diritti umani non passano inosservate.

Rafforzare le reti di solidarietà

10.000 €

Nel settembre 2021, United4Rescue ha deciso di sostenere le "Convergenze Palermo-Dakar". In questa conferenza, operatori umanitari e attivisti impegnati si sono incontrati contemporaneamente a Palermo e Dakar a metà settembre 2021 per pianificare insieme come organizzare meglio la solidarietà e il sostegno alle persone in movimento. Questo implica approcci politici nel lobbismo così come l'aiuto pratico. Con il sostegno di United4Rescue, sono state coperte le spese di viaggio dei partecipanti alla conferenza che altrimenti non avrebbero potuto permettersi di partecipare.

Attenzione pubblica per il processo "Free El Hiblu 3"

12.000 €

Nel settembre 2021, United4Rescue ha deciso di sostenere l'alleanza "Free El Hiblu 3" per attirare l'attenzione sulla criminalizzazione del salvataggio civile in mare. Nel 2019, tre giovani salvati sulla petroliera El Hiblu avevano condotto con successo una campagna affinché oltre 100 persone salvate fossero portate a Malta piuttosto che in Libia. Poiché hanno interpretato e negoziato, sono accusati di "terrorismo" e "pirateria". Rischiano lunghe pene detentive. L'alleanza "Free El Hiblu 3" assicura che il caso non sia dimenticato e che il maggior numero di persone possibile faccia una campagna per il rilascio dei tre imputati. Il finanziamento di United4Rescue permette una posizione di personale per coordinare queste attività e scrivere un opuscolo informativo.

Conversioni per certificazione SOLAS

423.000 €

Nella primavera del 2021, United4Rescue ha sostenuto importanti modifiche al SEA-EYE 4 con 423.000 euro. Si sono assicurati che la nave di soccorso ricevesse la necessaria certificazione SOLAS.

2020

Acquisto del SEA-EYE 4

434.000 €

Prima di essere utilizzata come nave di soccorso, la SEA-EYE 4 è stata utilizzata come compagnia di approvvigionamento offshore nel Mar Baltico. United4Rescue ha finanziato in modo significativo l'acquisto e la conversione della nave con 434.000 euro. Il SEA-EYE 4 è dotato di un'infermeria e di due scialuppe di salvataggio veloci per portare a bordo le persone in barca e fornire assistenza medica. Anche l'equipaggiamento elettrico e nautico della nave, gli alloggi e molto altro sono stati adattati per l'importante compito di nave di soccorso.

Intervento della "ALAN KURDI"

79.000 €

United4Rescue ha supportato nell'aprile del 2020 l'organizzazione di soccorso Sea-Eye per i costi della missione della nave ALAN KURDI, dell'ammontare di 79.000 €. A seguito di un lungo periodo di blocco e di quarantena della nave, occorreva sostenere notevoli costi supplementari non programmati. La missione successiva rischiava davvero di non poter essere eseguita. Grazie al supporto ricevuto, Sea-Eye ha potuto preparare la missione successiva della ALAN KURDI e rimettersi rapidamente in azione.

Controllo di processo strategico ACQUISTO DELLA SEBASTIAN K

5.000 €

United4Rescue ha supportato nell'ottobre del 2020 l'organizzazione di soccorso Mare Liberum e.V. in una causa legale contro una nuova normativa del ministero dei trasporti tedesco, che puntava a rendere più difficile l'impiego di navi di soccorso civili. United4Rescue ha finanziato in questo caso l'acquisto della barca a vela "Sebastian K", lunga 14 metri, con la quale si monitora la situazione nell'Egeo, tra Grecia e Turchia. Poiché alla Sebastian K era stata vietata la partenza, Mare Liberum aveva sporto querela presso il tribunale amministrativo di Amburgo. Missione compiuta! Il tribunale ha dichiarato illegale il blocco della nave.

Si sarebbe dovuto comunicare in via preliminare, alla Commissione europea, la modifica al regolamento di sicurezza navale del Ministero federale dei trasporti, risalente a marzo 2020. Poiché questo non è avvenuto, la modifica è in contrasto con il diritto europeo.

Il progetto è stato supportato anche dalla fondazione Stiftungsfonds Seenotrettung e da Sea-Watch.

Ristrutturazione dell'Ocean Viking

170.000 €

United4Rescue ha supportato nell'autunno del 2020 con 170.000 € l'organizzazione di soccorso SOS Meditérranée nella ristrutturazione della loro nave Ocean Viking. Precedentemente le autorità in Italia avevano appurato dei presunti danni sulla nave e avevano richiesto un costoso equipaggiamento tecnico. In questo modo si sarebbe dovuto impedire alla nave, come a tante altre prima di questa, di partecipare a missioni di soccorso. Grazie all'aiuto di United4Rescue è stato possibile soddisfare in breve tempo i nuovi requisiti imposti. Sono state ad esempio acquistate grandi zattere di salvataggio autogonfiabili, oltre che tute di sopravvivenza supplementari e giubbotti di salvataggio appositamente certificati. Sono state inoltre rinnovate le licenze di navigazione. In questo modo la Ocean Viking, dopo un tempo di fermo relativamente breve, è potuta tornare a solcare le acque. Nel gennaio del 2021 è stata l'unica nave di soccorso impiegata e ha soccorso 370 persone.

Asta e conversione del Sea-Watch 4

1.250.000 €

Tutto è iniziato con la Sea-Watch 4: nel gennaio 2020, United4Rescue e Sea-Watch hanno acquistato la Poseidon, un'ex nave da ricerca. Grazie a migliaia di donatori, in poche settimane sono stati raccolti i soldi necessari — più di un milione di euro — per la campagna #WirSchickenEinSchiff. Il 20 febbraio, la nave dell'alleanza è stata battezzata Sea-Watch 4 e poi trasformata in una nave di soccorso. Tra l'altro è stata allestita un'area di protezione riservata a donne e bambini e un'infermeria.

Conto delle donazioni

United4Rescue – Gemeinsam Retten e.V.
IBAN: DE93 1006 1006 1111 1111 93
BIC: GENODED1KDB
Bank für Kirche und Diakonie eG – KD-Bank

Conto delle donazioni

United4Rescue – Gemeinsam Retten e.V.
IBAN: DE93 1006 1006 1111 1111 93
BIC: GENODED1KDB
Bank für Kirche und Diakonie eG – KD-Bank

Questo sito web utilizza i cookie

Questi includono i cookie essenziali che sono necessari per il funzionamento del sito, così come altri che vengono utilizzati solo per scopi statistici anonimi, per le impostazioni di comfort o per visualizzare contenuti personalizzati. Potete decidere voi stessi quali categorie volete permettere. Si prega di notare che in base alle vostre impostazioni, non tutte le funzioni del sito possono essere disponibili.

Questo sito web utilizza i cookie

Questi includono i cookie essenziali che sono necessari per il funzionamento del sito, così come altri che vengono utilizzati solo per scopi statistici anonimi, per le impostazioni di comfort o per visualizzare contenuti personalizzati. Potete decidere voi stessi quali categorie volete permettere. Si prega di notare che in base alle vostre impostazioni, non tutte le funzioni del sito possono essere disponibili.

Le tue preferenze sui cookie sono state salvate.